FuniGiglio
per 'la missione della propria vita' che
Angelo Funiciello vuole ben compiere,
nel proprio pesante martirio,
con Amore verso Tutti per
liberare Ognuno dal Dominio Infame
contro le potenti mafie sommerse, in tutta Italia,
mafie che includono la "borghesia mafiosa"
denunciata dal Sen. Giuseppe Pisanu già nel 2009


Paolo Borsellino: "Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene."


 

In onore ed in prosieguo dell'opera valorosa della vittima Daniela Cavalli, che ha subito il concreto, freddo, lento, atroce ASSASSINIO compiuto da Organi Giudiziali, Giudici, Avvocati, Commercialisti – attivi della MAFIA dei COLLETTI BIANCHI – nel loro criminoso favoreggiamento delle Banche usuraie, pesantemente usuraie, dal 2002 ed ancora in atto oggi; anche costituendo riprova dell’inaccettabile situazione di NON GIUSTIZIA in Italia !

Si chiama Volkswagen, si legge T T I P: ma allora c'è molto da aggiungere, di molto importante! denuncia_pubblica_presidente_repubblica Unica primaria possibilità per arrivare ad una Italia Civile e prosperosa con gli Italiani giustamente tutelati da vera Giustizia: RIVOLUZIONE  ETICA CULTURALE TOTALE

INTERVISTA
AL PRESIDENTE
COMMISSIONE
ANTIMAFIA

a cura di Corrado Augias
movimento no fermi zitti 2010
RICICLAGGIO MAFIOSO

nell’economia legale,
che così è diventata mafiosa.
130 miliardi
di € nel 2009, 140 nel 2010, 150
nel 2011, in crescendo...
Senatore Pisanu: IL GROSSO DEL RICICLAGGIO MAFIOSO SI SVOLGE riciclaggio mafioso


FuniGiglio per il Risveglio Etico Sociale

"FuniGiglio" è una "iniziativa culturale e sociale", sorta nel 2009, che persegue con forte determinazione le finalità di stimolare e favorire il "Risveglio Etico Sociale" con solerte "Amore verso Tutti" e di combattere le mafie sommerse. Risveglio che scaturisce naturalmente dalla vera consapevolezza del mondo in cui viviamo, molto corrotto e senza più rispetto dei diritti-doveri di legalità e di giustizia.
Considerando l'estremo valore che per tutti hanno gli elementi fondamentali DIGNITÀ e CIVILTÀ!
La DIGNITÀ PERSONALE di ciascuno di noi ci impedisce di accettare passivamente di vivere in una illegalità e mafiosità generale così profonda ed estesa!

L'iniziativa è denominata simbolicamente "FuniGiglio" per indicare il promotore e l'eticità, che ne è l'intento; con emblema un giglio stilizzato compreso tra due piccole funi che definiscono le iniziali di Daniela Cavalli, protagonista la cui vita è stata prematuramente stroncata dalle vicende subite.

L'iniziativa è sorta nel settembre 2009 sulla spinta prodotta dalla drammatica maturazione degli eventi illegali, sommersi, "inspiegabili", sottaciuti, che insidiano tutti noi e che richiedono impellente soluzione; che potrà raggiungersi unicamente sulla base di un concreto ed ampio risveglio etico sociale, con l'aumento del senso e del desiderio di legalità e di pulizia morale, con il disgusto e la repulsione verso l'illegalità, la falsità, la mafia occulta, penetrante e devastante.

Essa nasce anche a seguito della mia iscrizione a "Libera - Associazioni, nomi e numeri contro le mafie", nella convinzione di bene interpretare lo spirito e le finalità della stessa e nell'intento di collaborare, per quanto possibile, a proteggerla dalle subdole aggressioni mafiose, particolarmente attive, strategicamente, proprio nelle organizzazioni antimafia.

Tutto ciò è particolarmente importante ed urgente proprio nella situazione attuale. Infatti è evidente che maggiore è la crisi dell' Economia e del Lavoro, maggiore è la facilità per la mafia occulta di riciclare denaro sporco, infiltrandosi ovunque a tutti i livelli.

La consapevolezza di come ultimamente stia cambiando la nostra civiltà, ahimè in peggio, è anche l'elemento essenziale primario che porta le nostre scelte politiche ad essere giuste, per il bene nostro e dei nostri figli.

Avvenuto il risveglio etico-sociale, se un partito politico vorrà veramente battersi per la legalità e la giustizia, contro le mafie, non avrà più il timore di perdere consenso poiché anzi lo aumenterà.

"L'unione fa la forza"; possiamo veramente essere in tanti, se ci relazioniamo a catena con il "passaparola".

Guidati dall'etica possiamo essere liberi dalla schiavitù dell'illegalità e dell'ingiustizia, dallo schifo ed orrore della mafia; dipende da noi, dalla nostra attività o inerzia!

Come è sostenuto da Roberto Saviano, e da tanti altri esperti in materia, con le mafie non c'è via intermedia: o si è attivi contro o si alimenta e favorisce il loro sviluppo, anche solo stando fermi e zitti. Ognuno faccia la sua scelta!

Il tuo cuore ed il tuo cervello, liberi e senza inibizioni, probabilmente ti spingono a voler favorire l'efficacia di FuniGiglio: attivati con il tuo passaparola verso qualche altra persona, associazione, blog, ecc. Grazie !

E' molto importante leggere i documenti e meditare sui fatti riportati e sui concetti che ne derivano.

Angelo Funiciello


Il blog di FuniGiglio

Video tratto dal recente intervento dell’ing. A. Funiciello al meetup M5S “L’Italia delle P.M.I”



Messo in diffusione dal Deputato M5S On. Claudio Cominardi, attivo partecipante allo stesso meetup

 Scritto il 2/3/2015 alle 17:43 | commenta (2)

Elaborato presentato al Meetup M5S del 20 febbraio 2015 a Bergamo “L’Italia delle P.M.I.”

ALLARME P.M.I. e CITTADINI - “Movimento 5 Stelle”
Elaborato di Angelo Funiciello, quale attivista "Movimento 5 Stelle" e quale medio imprenditore lombardo che ha vissuto e patito il proprio annientamento compiuto dalla mafia dei 'colletti bianchi'’ e dalla evidente non-giustizia.

La nostra situazione di estrema difficoltà per le P.M.I. e per i CITTADINI ITALIANI è sempre più di estremo ALLARME: di esistenza in attività onesta e di vita dignitosa.

Situazione del tutto inaccettabile; che deve essere concretamente considerata e dibattuta.

Assolutamente non possiamo accettare di essere costretti sempre più a vivere nei
marciumi morali e sociali ! Molteplicemente ingannati e senza alcuna vera tutela giuridica !

La DIGNITA’ e le NECESSITA’ DI VITA nostre e dei nostri figli ce lo impongono !
Vogliamo e dobbiamo costruirci un futuro , almeno di un accettabile livello di civiltà ! Ma la situazione estrema ci richiede prontezza, coraggio e determinazione !

Sicuramente non ci manca il coraggio di approfondire la conoscenza dei marciumi e di parlarne pubblicamente !

Ancor prima, è necessario prendere una certa buona consapevolezza della situazione e delle sue problematiche. Allo scopo mi raccomando di avere la paziente accuratezza di dedicare la giusta attenzione a questo mio ELABORATO, piuttosto lungo proprio per la molteplicità dell’oggetto. Scusandomi per essermi ripetuto per certi elementi più gravi, esorto vivamente a prendere in attenta considerazione gli stessi nella loro interezza.Grazie.

Il sottoscritto medio imprenditore, Angelo Funiciello, è innanzitutto colpito ed addolorato per la prematura morte, con martirio di 7 anni, della moglie Daniela Cavalli, di 11 anni più giovane di lui. Inoltre egli è assolutamente determinato a lottare contro questi marciumi mafiosi, per il Bene di tutti e nella speranza di poter ottenere almeno un minimo di Giustizia.

L’attuale situazione del sottoscritto imprenditore è di nullatenente, in povertà, con il prelievo da parte di creditori del quinto della pensione, dopo che con la sua solerte opera, con la FIDAUTO s.a.s., avente strutturalmente 90 dipendenti, dal 1968 al 2002 ha dato lavoro ben retribuito a centinaia di dipendenti, tutti assunti a tempo indeterminato.

Siamo arrivati oltre ogni limite di sopportazione, anche se i tanti anni vissuti nei marciumi, nella corruzione, con frequentissimi casi, e nelle generali illegalità e disonestà, con la mafia dei ‘colletti bianchi’, ci hanno ridotto molto la sensibilità verso di esse per rilevarle, con riduzione della consapevolezza della tragica realtà. Con il silenzio, con l’omertà generale in particolare riguardo alla mafia sommersa, la mafia dei ‘colletti bianchi’, ovunque infiltrata, ben organizzata e molto attiva.

Ma ora finalmente questa omertà comincerà a disgregarsi; non può passare disatteso quanto dichiarato, il 13 giugno u.s., dall’autorevole Presidente dell’Autorità Anticorruzione Raffaele Cantone : “la corruzione è come la mafia, quando non se ne parla vuol dire che prospera”, e poi anche con la sua chiara sollecitazione ad agire: “chi chiede ‘mani pulite’ deve per primo smettere di tenere quelle mani in tasca”.

Molto importante è anche quanto ci dice l’autorevole Giancarlo Caselli, il 16 giugno u.s., “Un’Italia libera e onesta è un’Italia affrancata dalle mafie”. Così come quanto ha espresso, il 24 maggio 2012 a ‘OTTO E MEZZO’, il Ministro della Giustizia Paola Severino: “La mafia è molto più sotterranea; non compie quegli attentati terribili che compiva anni fa. Però sta conquistando territori nuovi, sta conquistando i territori del Nord, per esempio. E’ una mafia estremamente accorta nel rimanere sotterranea e nel conquistare imprese, settori dell’economia ….è una mafia estremamente più pericolosa, proprio perché non individuabile immediatamente, Video visionabile nel sito/blog del sottoscritto, che è anche disponibile a confermare, quale imprenditore vittima. Infatti io ho vissuto personalmente il martirio di anni, che sto ancora vivendo, e posso testimoniare il martirio e la morte prematura di mia moglie; fatti che non sono “attentati terribili” di azione violenta, ma che sono comunque atti criminali, delittuosi, compiuti dalla mafia sotterranea, sommersa, dei ‘colletti bianchi’, subdoli assassini, sotto gli occhi di tutti, inerti ed omertosi !

Altro stimolo ad operare contro la mafia ci proviene da Roberto Saviano, che ha più volte sostenuto che con le mafie non c’è via intermedia: o si è attivi contro o si alimenta e favorisce il loro sviluppo, anche solo non parlandone.

I quattro precisi elementi sopra esposti, riferiti alle quattro attendibili personalità pubbliche, sono più che sufficienti per farci dedurre chiaramente che chi non parla, non dibatte, sulla mafia sommersa, per questo si rende sostanzialmente colpevole di omertà e di favoreggiamento della mafia stessa, subdola assassina, che tutto distrugge.

Questa tragica realtà mafiosa è il problema di gran lunga più grave e più distruttivo che affligge l’Italia; problema che veramente è di assoluto impedimento a qualsiasi progresso e/o crescita, sia per il LAVORO onesto che per la ECONOMIA onesta, oltre che per qualsiasi delle RIFORME che si vogliano attuare onestamente e democraticamente.

Vogliamo combattere vivamente i marciumi spirituale, sociale, economico e finanziario !

Per eliminare i detti marciumi, è bene che per prima cosa prendiamo buona consapevolezza di che cosa essi siano, della loro estensione e delle loro nefaste conseguenze; che sono anche forte degrado di CIVILTA’ , eliminazione sempre maggiore dei posti di LAVORO onesto, dipendente o autonomo, nonché generazione di inaccettabile NON GIUSTIZIA.

La conquista di questa consapevolezza si può attuare considerando con attenzione tanti gravi fatti avvenuti, come ad es. i seguenti qui esposti.

Già da oltre cinque anni la “BORGHESIA MAFIOSA” viene denunciata in Rai-TV dal Presidente della Commissione Antimafia Senatore Giuseppe Pisanu, in ‘Le Storie - Diario Italiano’ del 10 novembre 2009, con la descrizione della tragica situazione mafiosa anche con la testuale dichiarazione “…le mafie sono un fenomeno nazionale…”. Inoltre da più di due anni, sempre in Rai-TV, viene denunciata la “mafia di appartenenza a Bergamo” dal ‘bene informato’ Leoluca Orlando nella trasmissione ‘Ballarò’ del 16 ottobre 2012.

Con la divulgazione di entrambi i fatti compiuta sollecitamente con due video e due post dal sito/blog del sottoscritto. A tal proposito, da circa due anni si sta verificando il fatto che il video tratto da ‘Ballarò’ non è più visionabile, comparendo la scritta “Questo video è privato”. Siamo arrivati al punto che l’organizzazione mafiosa occulta, che tutto controlla, anche nei particolari, ha provveduto ad oscurare questo elemento, che chiaramente è di indicazione ai Cittadini Italiani dell’esistenza della “mafia di appartenenza a Bergamo” !! E’ evidente la gravità di questo fatto, che riprova la criminale efficienza ed organizzazione della mafia sommersa, in particolare nel nord del Paese.

Questi marciumi di mafia sommersa, occulta, dei ‘colletti bianchi’, di corruzioni, di criminalità finanziaria ed imprenditoriale, di omertà, non riguardano solo l’ambito dei politici, ma riguardano tutti i settori : professionisti di ogni qualifica e livello, funzionari delle Istituzioni dello Stato, addirittura alti generali della Guardia di Finanza, la Pubblica Amministrazione, i Sindacati, giornalisti, mezzi d’informazione, intellettuali, professori universitari, ecc. ecc

Sono di eclatante attualità e quindi sono molto considerati e dibattuti i marciumi attinenti le ‘grandi opere’, il MOSE a Venezia e l’ EXPO a Milano. Ma ciò porta a trascurare ancor più tutti gli altri marciumi del mondo delle Piccole e Medie Imprese, che rimane per l’intero Paese sicuramente il problema più importante e più grave, fortemente danneggiato dal riciclaggio mafioso di 150 miliardi di Euro all’anno, da diversi anni, in prevalenza nel Centro-Nord Italia, secondo le stime ufficiali prudenziali, coperto dall’omertà generale, costituita dal generale completo silenzio in proposito.

Enorme riciclaggio criminale mafioso che costituisce enorme concorrenza sleale a danno delle Imprese Oneste, veramente “La ‘peste’ per il LAVORO, ignorata da tutti”, ultimo post del sito/blog del sottoscritto.

Ma ci rendiamo conto di che cosa ha prodotto questo enorme lungo riciclaggio mafioso nel settore imprenditoriale in tutta Italia ? Per di più con l’omertà generale.

Ogni cosa ha il suo perché, che può essere più importante, più grave, della cosa stessa. Per riuscire a capire l’assurda tragica realtà in cui viviamo, evidentemente è essenziale capire il perché di questa omertà generale !

Altra assurdità pesantemente molto significativa. Si parla tanto delle problematiche degli investimenti in Italia, con le difficoltà connesse, e si arriva all’assurdità che nessuno considera l’esistenza e l’influenza su tali problematiche di un investitore di 150 miliardi di Euro all’anno, per diversi anni ed in crescita ! Per di più un investitore criminale mafioso !

La lunga esperienza intensamente vissuta mi insegna che questo male, che da molti anni e tuttora sempre più affligge tragicamente l’Italia, l’intera Italia, è costituito da diversi elementi, anche interconnessi, in diverse forme; per cui ritengo giusto e significativo chiamarlo ‘MALE COMPLESSO’ . Esso mi risulta costituito principalmente: dalle mafie storiche, da una ampia intesa mafiosa occulta, dalla mafia sommersa, penetrata anche nella Magistratura, sia Civile che Penale, dalla ‘borghesia mafiosa’, dalle ‘mafie di appartenenza’, dai ‘colletti bianchi’, dalle corruzioni, dalle baronie, dalle logge massoniche deviate, dagli interessi dei ‘poteri forti’, tra cui importanti le banche, gestiti illegalmente. In questo ‘male complesso’ rientra massicciamente anche l’ Imprenditoria mafiosa, connessa strettamente con il Riciclaggio mafioso di valori di 150 miliardi di Euro all’anno, da diversi anni.

Con l’effetto che ora numerosissime Imprese, piccole, medie e grandi, sono controllate dalla mafia occulta, con amministratori convinti mafiosi o compiacenti prestanome.

Questo è il crimine che. nel 2002, il sottoscritto si è fortemente rifiutato di compiere, rifiutando le offerte mafiose, rimanendo poi annientato e con la moglie prematuramente morta, per atroce malattia.

Tale ‘male complesso’ essendo pesantemente compenetrato nella politica ed in tutti i 4 settori. Di esso i Cittadini Italiani sono poco consapevoli in modo chiaro, anche se lo sentono e lo intuiscono.

Risulta evidente che questo ‘male complesso’ è come un nostro ‘cancro’ generale; esso è sicuramente il fattore più devastante su la nostra vita, la nostra civiltà, il nostro futuro.

Per rendersi conto veramente della realtà in cui stiamo vivendo si deve considerarlo approfonditamente. Nonostante ciò, finora esso non è stato considerato da nessuno, nelle sue interezza e complessità.

Viene anche naturale pensare che la ragione di questa ‘non considerazione’ rientri nell’ambito del male stesso e dei suoi nefasti effetti.

La nostra Civiltà si mantiene rinchiusa in sé stessa, nel suo ‘cancro’.

Ma allora è INCIVILTA’ !!!

Con il molteplice e ripetuto ignobile inganno di tutti i Cittadini Onesti !!!

Ma ora abbiamo il neoeletto Presidente della Repubblica Sergio Mattarella , che nel suo Discorso Ufficiale ha dichiarato: “La lotta alla mafia e quella alla corruzione sono priorità assolute” ed inoltre “E’ allarmante la diffusione delle mafie, antiche e nuove, anche in aree geografiche storicamente immuni. Un cancro pervasivo, che distrugge speranze, impone gioghi e sopraffazioni, calpesta diritti”.

Quindi basta ora che noi concretamente offriamo la nostra collaborazione al Presidente per essere coerenti con noi stessi, sia M5S e sia Angelo Funiciello.

Il nostro Movimento 5 Stelle ha riscosso alto consenso perché ha molto inneggiato all’etica, nonché fortemente auspicato l’onestà delle persone, con il vaff…per le disoneste. Quindi è evidente che il M5S per soddisfare le aspettative dei suoi elettori e simpatizzanti e per aumentarne di molto il numero, per il “vinceremo poi”, abbia coerenza e convenienza ora a manifestarsi in modo più chiaro e più completo.

Allo scopo il nostro M5S ha la possibilità di accedere a fatti accaduti, accertati e documentati, presentati da persona protagonista nei marciumi, come il sottoscritto. Che comunque continuerà a battersi con il suo sito/blog, già attivato da diversi anni, dopo aver rifiutato la collusione con la mafia per la sua media azienda in Bergamo, cui è conseguita la liquidazione fallimentare e la prematura morte della consorte, come detto.

Il sottoscritto ringrazia per l’attenzione e, consapevole delle proprie responsabilità etiche, offre la propria completa collaborazione a chi vuole concretamente attivarsi per una Italia onesta, con le ‘mani pulite’, attenendosi alle indicazioni del Presidente Raffaele Cantone.


 Scritto il 20/2/2015 alle 18:00 | commenta

Petizione contro il riciclaggio mafioso

1- La Commissione prenda atto concretamente che detto riciclaggio mafioso produce una reale concorrenza sleale, di entità talmente elevata da porre le imprese oneste nell’impossibilità di sostenerla.

2- La Commissione provveda a che prendano atto concretamente della situazione tutte le Istituzioni, in particolare quelle Giuridiche e di Governo.

3- La Commissione provveda a che si arrivi al più presto a dibattere del problema dell’enorme riciclaggio delle mafie nell’economia legale, in tutta Italia, fondamentale per il LAVORO e per la possibilità di esistenza delle IMPRESE ONESTE, nei media, in particolare in TV, nei dibattiti tra intellettuali, politici, economisti, giornalisti; cosicché i Cittadini Italiani siano finalmente informati e documentati pienamente riguardo alla vera realtà della situazione disastrosa dell’Italia intera.

In coerenza con la chiara raccomandazione di Paolo Borsellino:

“Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene”.

La petizione è importante perchè può contribuire concretamente alla difficile soluzione del problema LAVORO ed anche alla soluzione del problema della MALAINFORMAZIONE INGANNEVOLE dei Cittadini Italiani.

Clicca per andare alla petizione su Change.org

 Scritto il 8/10/2014 alle 14:56 | commenta

La ‘peste’ per il LAVORO , ignorata da tutti !

Il massimo problema per il LAVORO, una vera ‘peste', con effetto distruttivo determinante, viene tranquillamente ignorato da tutti ! E' la concorrenza criminale per le Piccole e Medie Imprese ! Concorrenza illegale, sleale, invincibile da parte delle P.M.I.

Dai prudenziali dati ufficiali, tutti si sa che le ‘mafie sommerse' riciclano nell'economia legale italiana, da numerosi anni, valori di 150 – centocinquanta – miliardi di Euro ogni anno, in prevalenza nel Centro Nord !

Per effetto di questo fenomeno criminale, in essere concretamente da numerosi anni, nella maggior parte le Imprese italiane, in tutti i settori, sono attualmente colluse o di proprietà delle mafie ed hanno cumulativamente ogni anno la disponibilità di 150 miliardi di Euro per praticare, secondo le strategie mafiose, prezzi di vendita così bassi da far soccombere tragicamente le imprese oneste !!!

Evidentemente ne deriva che le Imprese Oneste sono costrette a chiudere o sono impossibilitate ad aprire !!!


E' altrettanto evidente che, sussistendo questa criminale situazione, non può esistere alcun provvedimento legislativo, di detassazione o di facilitazione, che possa compensare gli effetti distruttivi di 150 miliardi di Euro, ogni anno. Cioè che possa salvare le P.M.I. italiane.

Oltre che fare queste semplici constatazioni e questi semplici ragionamenti, come tutti possono fare, il sottoscritto in proposito può essere anche di maggiore utilità; avendo una esperienza vissuta personalmente quale medio imprenditore di Bergamo, dal 1968 ed ora in fallimento, che ha rifiutato le proposte di essere ‘salvato dalla mafia'.


Pure di enorme gravità è il fatto che i mezzi di informazione e di dibattito pubblico ignorano totalmente la ‘peste' sopra descritta, con i suoi tragici effetti !

Anche non accorgendosi di manifestarsi come se fossero totalmente fuori dalla realtà!!!
Oltretutto offendendo i Cittadini Italiani !

Nel panorama complessivo delle crisi italiane e mondiali, ormai i tempi sono maturi a che presto o tardi i mezzi di informazione e di dibattito pubblico escano dal loro assenteismo da queste problematiche criminali. A coloro che lo faranno per primi, automaticamente i Cittadini Italiani, l'opinione pubblica, ne riconosceranno il merito.


Ora i Cittadini Italiani non sono degli sprovveduti e per dignità non accettano di essere trattati come tali ! Reagiranno sempre più efficacemente !

Angelo Funiciello


 Scritto il 27/1/2014 alle 13:17 | commenta (1)

IMPORTANTE MESSAGGIO per il Lavoro e per superare la recessione economica

Messaggio inviato da ing. Angelo Funiciello – Cittadino aderente al “Movimento 9 dicembre 2013


Messaggio inviato a :  “Movimento 9 dicembre 2013” --  “Servizio Pubblico  Dr. Michele Santoro” --  “La GABBIA  Dr. Gianluigi Paragone”  --  “Il Fatto Quotidiano.it  Dr. Peter Gomez” -- “Piazzapulita  Dr.Corrado Formigli”.


Nel considerare e definire le nostre giuste rivendicazioni di Cittadini Italiani, nonché dibattere su di esse e sulle gravissime problematiche ad esse connesse, si ritiene nell’interesse di tutti far presente la forte opportunità di fruire al meglio di tutto quanto si può disporre.

Il sottoscritto ing. Angelo Funiciello, medio imprenditore di Bergamo, annientato dal ‘sistema perverso’, mafioso, in cui siamo immersi,  ritiene suo dovere mettere a frutto le proprie molteplici esperienze negative subite, con la finalità di contribuire alla migliore definizione e precisazione di quanto noi Cittadini Italiani stiamo subendo da molto tempo, al punto di essere ridotti allo stremo ed anche al suicidio.

La migliore definizione e la migliore precisazione, fondate su fatti e documentazioni di provata certezza, sono molto opportune, direi necessarie, per essere facilmente capiti e condivisi; anche perché la gravissima situazione in cui ci troviamo è molto articolata, in diversi aspetti ed in diversi settori.


Il problema del Governo inefficiente  e dei Politici, a dir poco, inaffidabili, che riteniamo necessario cacciare via al più presto, è solo una parte, sicuramente importante, ma solo una parte della molteplicità di problemi che ci affliggono, che ci distruggono.

Gravissimo è il problema, ancor più direttamente distruttivo di tutto, delle possibilità di Lavoro, della nostra stessa Civiltà:  la  mancanza di Giustizia !

Le Istituzioni, in tutte le loro forme, preposte ad assicurare la Giustizia ai Cittadini Italiani, anziché esplicare il loro mandato, tutelano sistematicamente numerosi elementi del mondo economico-produttivo che contravvengono abitualmente a diversi articoli del Codice Penale. Anziché assicurare Giustizia ai Piccoli e Medi Imprenditori le Istituzioni si attengono in favoreggiamento dei ‘Poteri Forti’; per quanto può provare il sottoscritto, la Ford e le Banche usuraie.


La profonda mancanza di Giustizia è il fattore principale che ha distrutto le possibilità di Lavoro in Italia, e nel persistere peggiorerà sempre più la situazione, come risulterà evidente da quanto qui esposto.

Fino a che non avremo l’accortezza ed il coraggio di nemmeno parlare della mancanza di Giustizia, noi Cittadini Italiani saremo sempre più traditi ed annientati. Mancanza di Giustizia causata non solo dai lunghissimi tempi, ma anche, ancor più gravemente, dalla  mancanza di Etica, dalla mancanza di Onestà.


Ottima cosa, e molto importante, che i Cittadini Italiani, con il “Movimento 9 dicembre 2013”, proseguano ad oltranza con la loro protesta ed accusa; ma è fondamentale che tale protesta ed accusa sia il più possibile chiara, definita e completa, fondata su fatti e documenti.


In questa inaccettabile situazione di economia perversa che annienta le possibilità di Lavoro onesto, non sono pesantemente presenti solo i problemi costituiti dai Politici inaffidabili, dalla mancanza di Giustizia, dalla mancanza di Onestà, dalle Banche usuraie. Infatti già da diversi anni abbiamo l’enorme problema del riciclaggio occulto, mafioso, che secondo i dati ufficiali ammonta a 150 dico centocinquanta miliardi di Euro ogni anno, da molti anni. Questo enorme riciclaggio mafioso comporta principalmente i seguenti aspetti, con gravissime conseguenze.

1)  Le aziende oneste, cioè non colluse con la mafia, si trovano a dover fronteggiare la concorrenza sleale compiuta dalle aziende colluse, che hanno inesauribili risorse.

2)  Parte di tale riciclaggio è adibito all’acquisizione di aziende da parte della mafia, ovviamente con metodi mafiosi e non certo con regolari acquisti, quindi con minimo dispendio di capitali.

3)  Poiché tale acquisizione criminale di aziende da parte della mafia sta avvenendo da molti anni, con disponibilità di centinaia di miliardi di Euro, è evidente che le aziende acquisite dalla mafia sono numerosissime.

4)  Alle aziende completamente mafiose si sono sempre più aggiunte quelle  salvate dalla mafia , cioè colluse, con inesauribili risorse gestionali, con enormi possibilità concorrenziali.

5)  L’effetto dei primi quattro punti è il seguente: le aziende oneste, esenti da rapporti mafiosi, sono ormai in piccola percentuale, che va sempre più riducendosi; aumentando le cessazioni di attività, anche con fallimento.

A tal proposito si tenga comunque presente che il fallimento di un’azienda non indica che essa sia onesta, in quanto è di normale strategia della mafia spesso far fallire una sua controllata, in quanto con il fallimento trae diversi vantaggi, facendo risorgere o riassorbire  l’azienda da un’altra controllata; vantaggi riguardanti riduzioni di personale, riduzioni di stipendi, rapporti meno onerosi ed impegnativi con il personale, possibilità di strane manovre amministrative e contabili.


Per rendersi conto di tutto questo sono sufficienti la modesta intelligenza e la modesta consapevolezza del sottoscritto. Noi Cittadini Italiani siamo quindi arrivati a meravigliarci molto ed a chiederci le ragioni per cui i grandi esperti del Mercato, dell’Industria, dell’Economia, dell’Imprenditoria continuino a non considerare, non parlandone nemmeno, il  riciclaggio di 150 miliardi di Euro all’anno, da numerosi anni. Noi Cittadini Italiani ci chiediamo le ragioni, Chissà chi le chiarirà ! Come è possibile ignorare un investitore di tale peso ?!! Per di più fuori legge !!! E’ un’assurda enormità !!!


Tutto quanto sopra espresso è di profonda convinzione del sottoscritto, che si mantiene con la massima disponibilità di offrire documentazioni, prove, ulteriori precisazioni; in connessione anche con le Denunce penali che ha inoltrato in Procure ed una sua Opposizione alla richiesta di Archiviazione avanzata dal PM.

Il tutto fondato sulla pesantissima esperienza personale vissuta quale medio imprenditore di Bergamo, in attività prosperosa dal 1968 al 2002, dando lavoro tranquillo a centinaia di dipendenti, totalmente annientato da diversi tipi di criminali dal 2002 ad oggi, con proseguimento nel presente.


UNIONE  E  DETERMINAZIONE  !!!


21 dicembre  2013

Angelo Funiciello


 Scritto il 7/1/2014 alle 10:12 | commenta
  Ultimi post
Petizione contro il riciclaggio mafioso
Scritto il 8/10/2014 alle 14:56
La ‘peste’ per il LAVORO , ignorata da tutti !
Scritto il 27/1/2014 alle 13:17
UNICA POSSIBILITÀ: la VERA GIUSTIZIA
Scritto il 21/1/2013 alle 12:48
"MAFIA DI APPARTENENZA" A BERGAMO.
Scritto il 18/10/2012 alle 12:31
DETERMINANTI CONFERME DEL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA
Scritto il 30/5/2012 alle 15:52
Solo schegge, ecco la riprova
Scritto il 4/5/2012 alle 17:29
SAVIANO: FINALMENTE SI PARLA DI MAFIA DEL NORD
Scritto il 29/2/2012 alle 13:08
TRUFFA CONTINUATA E TRADIMENTO DA PARTE DELLO STATO
Scritto il 20/1/2012 alle 17:38
Saviano: "Contro le mafie il metodo Falcone"
Scritto il 1/12/2011 alle 16:04
DIVERSI TIPI DI CRESCITA ECONOMICA
Scritto il 7/10/2011 alle 15:44
PER LA CRESCITA
Scritto il 22/9/2011 alle 11:51
ITALIA, CORRUZIONE IN CRESCITA NELLA PA
Scritto il 21/9/2011 alle 11:36
STRAORDINARIA NOTTE
Scritto il 18/5/2011 alle 11:45
PROBLEMI IMPELLENTI ESIGONO RIMEDI IMMEDIATI !
Scritto il 19/4/2011 alle 09:47
PRECARIETA’ DEL LAVORO E DELLE AZIENDE
Scritto il 11/4/2011 alle 14:34
Disputa Vendola - Formigoni
Scritto il 29/3/2011 alle 12:17
LE MAFIE STANNO SALVANDO L’ITALIA !!!
Scritto il 23/2/2011 alle 13:11
VALIDI INDIZI E SOSPETTI
Scritto il 14/2/2011 alle 14:26
I TERMINI DEL PROBLEMA FONDAMENTALE
Scritto il 13/1/2011 alle 17:46
CONTRADDITTORIO MINISTRO MARONI
Scritto il 3/12/2010 alle 10:31
IL MERITO A ROBERTO SAVIANO
Scritto il 22/11/2010 alle 09:51
IL SILENZIO PARLA
Scritto il 16/11/2010 alle 17:39
PARALISI CON SUPERATTIVITA’
Scritto il 12/11/2010 alle 12:57
LETTERA APERTA alla PRESIDENTE EMMA MARCEGAGLIA
Scritto il 4/11/2010 alle 14:37
SVILUPPO DI COMMENTO SU BLOG DI SONIA ALFANO
Scritto il 2/11/2010 alle 16:51
PAROLE SANTE ! GIGANTESCO PROBLEMA !!
Scritto il 11/10/2010 alle 15:09
Commento a "Caro Granata, ora i fatti"
Scritto il 27/9/2010 alle 10:39
Mafie e successi infami
Scritto il 20/9/2010 alle 12:55
MAFIE , VOTI , LAVAGGI E MOVIMENTI
Scritto il 23/8/2010 alle 11:50
RISPOSTA COMMISSIONE EUROPEA
Scritto il 23/8/2010 alle 11:47
Lavoratori di tutta Italia: contro la mafia!
Scritto il 7/6/2010 alle 18:09
  Ultimi commenti
Alberto
1/9/2015 alle 17:10
franco
5/3/2015 alle 08:40
Johnny
24/7/2014 alle 12:27
Angelo Funiciello
29/4/2014 alle 16:35
angy
26/4/2014 alle 04:57
Pierfranco Mazzolari
27/1/2014 alle 13:43
giovanni pàncari
10/5/2012 alle 00:13
giovanni pàncari
9/5/2012 alle 22:59
giovanni pàncari
9/5/2012 alle 20:19
Angelo Funiciello
8/5/2012 alle 16:25
2  3  4  5  6  7  8  9  10  11 
Copyright FuniGiglio 2009 Cookie policy